Fanny

 Come si fa a criticare Fanny Ardant?

Se si fa è perché si è obbligati.

Un mito è difficile che crolli, nonostante gli errori commessi.

L’abbiamo fatto in passato per essersi prestata all’interpretazione della protagonista del film “L’odore del sangue” di un celebre sconosciuto regista napoletano: mise a repentaglio il suo patrimonio d’intelligenza e di eleganza con scene insulse e volgarotte. 

Oggi che leggiamo le sue parole sul terrorismo, rimaniamo interdetti, soprattutto per gli echi fanatizzanti che può suscitare il suo dire un po’confuso.

Ma quando la vediamo sulle pagine dei giornali o in qualche replay televisivo non possiamo fare a meno di passare sopra a qualche sua superficialità.

Come si fa a non sorvolare su  imprecisioni, inesattezzea storiche o a qualche grossolana valutazione sfuggitale dalla  bocca ?

Sì, Fanny rimane l’immagine peccaminosa ed accattivante della nostra adolescenza, la seduzione fatta persona, non bella, ma l’essenza  stessa del glamour.

A lei si può perdonare tutto.

Annunci
Explore posts in the same categories: glamour

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: