I moderati e l’inciucio

L’ importante è che chi ha firmato nei gazebo, pensando di creare un partito liberale popolare, contro la partitocrazia e per assicurare la governabilità del paese, con una seria riforma delle istituzioni, non venga “corbellato”.

Il consenso ottenuto tra la gente deve servire a rappresentare la società civile, non per fare accordi di vertice ed “inciuci” con il PD.

Paolo Guzzanti è convinto del contario ed ha cercato di spiegarlo ieri sul “Giornale” e alla BBC, con risultati modesti e senza persuadere nessuno, alla luce dei nuovi propositi proporzionalisti del cavaliere.

La stessa sussistenza di “Forza Italia“, incapace di sciogliersi, come annunciato dal povero Bondi, tutto proteso ad autoconvincersi della necessità di abbandonare il bipolarismo, tanto amato in passato, sta a testimoniare la confusione che si sta creando tra gli stessi sostenitori di Berlusconi, il quale, coerentemente con le proprie impostazioni originarie, dovrebbe appoggiare il referendum, se proprio vuole seguire gl’intendimenti del suo elettorato.

I prossimi giorni diranno se non è un gioco “consociativo” e se veramente si vuol fare la “rivoluzione culturale” tanto attesa dalla maggioranza dei moderati e non un ennesimo “pastiche” del potere per il potere.

Annunci
Explore posts in the same categories: politica

Tag:

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: